CasaEconomiaMps, il cda vota all'unanimità: ritirate le deleghe all'ad Bastianini
spot_img

Related Posts

Featured Artist

Mps, il cda vota all’unanimità: ritirate le deleghe all’ad Bastianini

MILANO – Il consiglio di amministrazione del Monte dei Paschi ha deliberato di ritirare le deleghe dell’amministratore delegato, Guido Bastianini.

La decisione era attesa dal board che si è riunito per l’approvazione dei risultati del 2021, dopo che è arrivato l’impulso dall’azionista di maggioranza, il Tesoro, di sostituire l’amministratore delegato, in carica, come tutto il cda ampiamente rinnovato, dal maggio 2020. Un pressing che ha trovato anche forte opposizione politica e che deriverebbe dalla richiesta europea di discontinuità dopo che non si sono celebrate le nozze con Unicredit che avrebbero posto fine al salvataggio pubblico della banca senese.

Come da attese è poi arrivata la cooptazione di Luigi Lovaglio, ex Creval ed ex Unicredit (è stato per anni il ceo della ex controllata polacca Bank Pekao), in pole per la successione.

A far posto al nuovo manager, la funzionaria del dipartimento del Tesoro, Olga Cuccurullo, consigliera quindi non indipendente, che venerdì scorso, in serata, si è dimessa per “motivi personali”. Bastianini resta comunque nel cda della banca senese. La nota della banca dettaglia: “Si precisa che la sostituzione dell’amministratore delegato e direttore generale è regolata da un piano per la successione adottato dalla banca, con il coinvolgimento del comitato nomine e del comitato remunerazione della stessa per gli aspetti di competenza”. Il collegio sindacale ha approvato la cooptazione di Lovaglio.

Secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa, la decisione del ritiro delle deleghe è stata assunta dal consiglio all’unanimità.

Argomenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest Posts