CasaGeneralesi suicida 8 mesi dopo in cella
spot_img

Related Posts

Featured Artist

si suicida 8 mesi dopo in cella

26 settembre 2021 23:38

Trovato dagli agenti di polizia penitenziaria di Ivrea nella notte tra sabato e domenica. La Procura ha aperto un’indagine

Riccio si è impiccato con i pantaloni della tuta a una inferriata della cella mentre il compagno dormiva. La Procura di Ivrea ha aperto un fascicolo. 

 

Quando compì la strage aveva lasciato un biglietto: “Vi porto via con me”. Aveva pianificato anche il suo suicidio tagliandosi i polsi, bevendo candeggina e lanciandosi dalla finestra di casa: ma non era stato sufficiente. Alexandro Riccio ci è però riuscito otto mesi dopo, nella cella del carcere di Ivrea dove attendeva il processo. Un massacro, quello di Riccio, compiuto perché la moglie, Teodora Casasanta, aveva deciso di lasciarlo. Anche lei 39enne operatrice socio-sanitaria, voleva chiudere il matrimonio. Ma non c’erano state liti violente, almeno stando al racconto dei vicini. Il marito però vedeva nella fine del matrimonio il suo fallimento e per questo ha organizzato l’eccidio. 

 

 

Riccio ha svegliato la moglie eper poi colpirla con qualsiasi oggetto gli capitasse sotto mano. Lei ha urlato, ha cercato di difendersi, ma inutilmente. I carabinieri l’hanno trovata morta sul letto; il corpo del bambino, invece, era nel corridoio, la gola tagliata con lo stesso coltello utilizzato subito dopo per tagliarsi le vene. “Vi porto come me” c’era scritto sul biglietto scritto a mano, nel quale Riccio si diceca deluso per il rapporto di coppia e dichiarava tutto il suo amore per le due vittime.

Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest Posts